Indagini per l’affidamento di minorenni

Spesso, in caso di separazione, per determinare a chi spetti l’affidamento dei figli minorenni in sede legale, occorre che si svolgano delle indagini. In tali circostanze viene raccolto materiale audio visivo e sono redatti rapporti scritti, al fine di documentare il comportamento scorretto di uno dei due genitori nei confronti del minore.

Le investigazioni per l’affidamento dei figli

Le cause di separazione o di divorzio, specialmente se vi è la presenza di minori, sono molto delicate. Qualora poi si desiderasse far rivalutare l’esito di una sentenza già emessa dal Tribunale sull’affidamento dei figli sarà possibile richiedere l’aiuto di investigatori privati. In questo caso vengono fornite prove valide riguardo alla presenza di atteggiamenti diseducativi da parte di un genitore nei confronti del minorenne. Questo genere di investigazioni è mirato a dimostrare, ad esempio, la mancanza di idoneità dello stesso nell’affidamento dei figli o il mancato adempimento dei doveri genitoriali. L’insieme di tutte le prove sarà utilizzato in sede giudiziale ed avrà valore di veri e propri documenti legali.

Separazione con figli minorenni: cosa dice la legge

Le investigazioni per l’affidamento dei minori rivestono un ruolo cruciale visto l’incremento delle cause di separazione e divorzio. Oltretutto, le liti ed i disaccordi tra i due genitori sull’affidamento della prole, infatti, spesso non sono risolvibili senza l’intervento di un giudice. L’attuale legislazione prevede che, in caso di separazione con figli minorenni, entrambe le parti in causa abbiano pari diritti e doveri nei confronti dei minori. Questo a meno che uno dei due venga ritenuto non idoneo per il mantenimento e l’educazione dei figli. È fondamentale dunque non commettere errori ed affidarsi a chi ha competenza per la raccolta di materiale probatorio da presentare in Tribunale, nelle cause di separazione con figli minorenni. I professionisti di BD Service, società specializzata nella fornitura di servizi per la valutazione investigata dei clienti, sono a disposizione per fornire in tal senso prove utili in sede legale.

Affidamento congiunto: in cosa consiste

Secondo l’ordinamento legislativo, si parla di affidamento congiunto quando, in caso di separazione o divorzio, la patria potestà viene concessa ad entrambi i genitori. Questi dovranno condividere ogni responsabilità sulla prole con armonia e cooperazione. Mentre in passato la patria potestà era attribuita al padre, la legge n.54/2006 ha introdotto il principio della bigenitorialità. Ciò significa che con l’affidamento congiunto il figlio dovrà vivere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascun genitore, ricevendo educazione, assistenza ed attenzione da parte di entrambi. In sede giudiziaria viene stabilita la residenza del minore e saranno definite le modalità ed i tempi di affidamento, garantendo così anche all’altro genitore un’adeguata presenza della prole.

Chiama ora!
Contact form
close slider